Matthias Politycki

Racconto dell’aldilà

 
 
 

Pubblicato nel 2013 da CartaCanta editore e a cura di Giovanni Nadiani, Racconto dell’aldilà di Matthias Politycki ruota attorno alla figura di Hinrich Schepp, sinologo sessantacinquenne della Freie Universität di Berlino, il quale una mattina trova in casa il corpo esamine della moglie, Dorothee Wilhelmine Renate Gräfin von Hagelstein.

poltycki_cover_stampa-11-422x600Mentre prende atto della morte della donna, Schepp scopre anche che Doro – dedita da anni alla correzione delle bozze dei suoi testi – ha messo mano al manoscritto di un romanzo incompleto, nascosto e da lui stesso “da tempo rigettato” (p. 22, corsivi nel testo), Marek, la Spugna, inserendovi commenti, aggiungendo a esso la propria scrittura. Tuttavia le parole di Doro rivelano a Schepp una donna a lui del tutto sconosciuta, estranea.

“Gli restavano soltanto i fogli compilati per lui da Doro. Ma compilati così confusamente, da quale Doro? Era evidente che non era più del tutto in sé, non la conosceva affatto tanto incontrollata, tanto smodata, tanto diretta. Che cosa le era mai preso? Doro, una personcina così delicata, che lui aveva sempre ammirato proprio per il suo garbo!”, p. 11.

Al racconto del presente segnato dall’odore della morte, si intrecciano il ricordo del vissuto di Hinrich, il testo del manoscritto e i messaggi apposti su di esso da Doro.

Il romanzo si muove tra il tema della vita e quello della morte.

(altro…)