Lascia stare il la maggiore che lo ha già usato Beethoven

Moby Dick e altri racconti brevi

 
 
 

In F come falso, Orson Welles si interroga sul significato della verità, nella vita e nell’arte, e si domanda tra l’altro quanto il giudizio sul valore estetico di un’opera sia influenzato dalla considerazione di cui gode il suo autore.

Già Umberto Eco, nel delizioso brano Dolenti declinare contenuto in Diario minimo a partire dalla seconda edizione (Mondadori 1975), gioca col magistero di alcuni testi letterari assurti a statuto di classici. In Dolenti declinare, tuttavia, non c’è vera demistificazione, giacché l’interpretazione bislacca di ciascuno dei libri citati è da addebitare alla lettura frettolosa da parte del redattore protagonista del brano.

Succede qualcosa di simile eppure di assai diverso in Moby Dick e altri racconti brevi, libro d’esordio di Alessandro Sesto, una raccolta di racconti uscita nel 2013 per Gorilla Sapiens (editore col quale, due anni dopo, Sesto pubblicherà una seconda raccolta di racconti, Lascia stare il La maggiore che lo ha già usato Beethoven, già recensito su questo blog).

Se ciò che rende simili il brano di Eco e il libro di Sesto è proprio l’atteggiamento dissacratorio nei confronti di certi classici della letteratura, assai diversi paiono l’intenzione e il grado di cordialità.A. Sesto - MOBY DICK e altri racconti brevi. - Front H

Nel senso che le trentaquattro composizioni contenute in Moby Dick e altri racconti brevi sono – loro sì – davvero demistificatorie (ecco la differenza di intenzione) e trattano quasi sempre di un io narrante alle prese con quotidiani accadimenti tragicomici (ecco la differenza di cordialità).

Lo schema compositivo della maggior parte dei racconti è questo: il protagonista si affida (o meglio, finge di affidarsi) con assoluta ingenuità a un libro-feticcio. Puntualmente, però, il libro non reggerà l’urto con la vita.

Talvolta lo scorno è causato da un eccesso di immedesimazione nelle situazioni e atmosfere narrative. Ne Il paese dei gatti il protagonista, parlando di 1Q84 di Murakami Haruki, dice: “Tutto bene, ognuno scrive ciò che vuole, non essendovi un significato palese ce ne sarà senz’altro uno profondo, però adesso, vittima dell’autorevolezza del Maestro giapponese, ogni volta che mi trovo in un posto per me inusuale temo che sia quello dove devo perdermi, e che non ne uscirò più. […] Anche ieri, nell’ufficio postale di Piazza Mazzini, ho chiesto all’impiegato se quelle fossero realmente le poste o piuttosto il luogo dove io dovevo andare a perdermi, e lui mi ha detto che no, quelle erano le poste”, p. 86.

Altrove, l’eccesso di immedesimazione avviene nei confronti di un qualche personaggio immortale. In Essere protagonisti, ad esempio, l’io narrante fantastica di intrufolarsi nelle case altrui e incontrarvi bionde fascinose, alla stregua di Philip Marlowe, il celebre investigatore privato nato dalla fantasia di Raymond Chandler. Ma i conti paiono non tornare: “Infatti lì dove opera il detective californiano, nonostante sia uno di quegli ambienti dove due persone su tre sono rotte a ogni malaffare, lasciano tutti la porta di casa aperta. Nel mio condominio invece, dove la cosa più grave mai accaduta è stata lo smarrimento di un gatto, le porte sono sempre chiuse. Blindate. Protette da chiavistelli, allarmi e grossi cani feroci, o anche cani non evidentemente feroci e di media e, va bene, anche piccola taglia, ma comunque a me sconosciuti e di cui, pur essendo molto ardimentoso, non mi sento di fidarmi”, p. 24. (altro…)

Lascia stare il la maggiore che lo ha già usato Beethoven

 
 
 

Scritto da Alessandro Sesto e uscito nel maggio del 2015 per Gorilla Sapiens Edizioni, Lascia stare il la maggiore che lo ha già usato Beethoven è un libro divertentissimo e non privo di un’inquieta malinconia.

In ventidue brevi capitoli (narrativamente autonomi ma debitori tutti di una medesima atmosfera) un batterista ci racconta vicissitudini, disavventure, progetti e sogni di un gruppo rock dalle capacità tecniche non esattamente eccelse, che si esibisce suonando cover nella provincia di Verona.

I nomi dei musicisti rimarranno ignoti, quasi a voler indicare che il valore dell’opera non si esaurirsce in un resoconto personalistico-giovanilistico (come l’argomento farebbe peraltro sospettare).

Una breve carrellata di esempi aiuterà forse a mettere in luce l’originalità del libro di Sesto, nonché appunto la sua naturaLamaggiore_cover def ibrida, che si potrebbe definire umoristico-esistenziale.

Spesso la scintilla comica scaturisce da situazioni narrative in cui il serio è sotto l’assedio del faceto (qui e nelle altre citazioni, corsivi nel testo): “Se il paesaggio della pianura padana fosse un brano musicale sarebbe una lunga e sciatta variazione, tipo un Bolero di Ravel per sola zampogna. Le coltivazioni verdi e gialle farebbero da tema dominante, i pioppeti e le rare abitazioni da elemento di novità, raggiungendosi un blando picco emotivo quando si incontra un allevamento, e l’eventuale animo fanciullesco in macchina grida: Le mucche! Al tastierista sfugge qualcosa del genere mentre andiamo a Graviolo Mantovano, e il cantante gli fa: – Bravo, saluta tua madre”, p. 11.

Altrove, la battuta fulminante proviene dal ricorso inopinato a metafore e similitudini che poggiano su riferimenti colti: “arriviamo alla discoteca freschi e ben disposti gli uni verso gli altri come i passeggeri della Zattera della Medusa”, p. 12.

Ironia e sarcasmo nascono sempre da un’osservazione attenta della realtà, che si offre come infinito campionario di esempi grotteschi. Copioso, in questo senso, l’utilizzo di stereotipi tolti dall’universo della musica: “Ci deprimiamo e bestemmiamo, bestemmie torbide e decadenti, senza vitalità. Bestemmie da cantautori”, p. 35.

Per non parlare di quando l’ironia è affettuosamente rivolta verso di sé: “Poi arriva un barista […], un ribelle che ci porta di straforo birre e panini gloriosi, dicendoci ogni volta in segno di intesa: – Rock and roll! – A Mahler nessuno portava le birre dicendo: sinfonica! E ogni volta noi gli rispondiamo: – Rock and roll, vecchio. Rock and roll! – e stiamo sempre meglio”, p. 36. (altro…)