Davide Martirani

Come si sta al mondo

 
 
 
 

La figura intorno a cui ruota l’intenso romanzo di Davide Martirani, Come si sta al mondo (Quodlibet 2018), è Maria, una ragazza che ha paura.

Della vita, di stare al mondo. Una donna che cerca il proprio posto, purché riparato; che vorrebbe per sé un luogo e un tempo di tregua.

Perché la vita è anche volontà di affermazione e di potere sugli altri. La vita, in questo senso, è violenta e prenderne parte è assumere su di sé la colpa di esserci.

Maria abita con l’anziana signora De Siervo, della quale si occupa, in una grande città italiana mai nominata. Conduce un’esistenza appartata, interrotta soltanto dai pranzi domenicali con la madre Natalia e dal servizio nella chiesa del quartiere, una volta a settimana, durante il giorno di riposo.

Ecco come il narratore dà voce allo sguardo di Maria davanti alla donna che assiste: “Tutti i suoi gesti avevano qualcosa di abominevole, una sorta di candore infantile reso ripugnante dalla determinazione che vi si leggeva sotto, quella volontà sorda e inflessibile di accomodare la realtà al proprio desiderio che tutti i viventi condividono, e che in lei si manifestava indecente, crollato con la vecchiaia lo schermo opposto dall’educazione” (p. 19).

Le acute e sottili percezioni della protagonista non si trasformano in azioni, sono in ogni caso schiacciate in una vita anonima, sebbene turbata da un segreto inconfessabile: da quando è bambina Maria avverte infatti la presenza del diavolo.

“[…] a un certo punto si accorge di un odore strano che le entra nella testa dal naso e invece di perdersi rimane lì e si agita e sbatte, e poi è come se le colasse dagli occhi coprendoli tutti e la chiesa si tinge di un giallo ammalato dove le persone sono macchie nere simili a mosche” (p. 16).

Tuttavia, si tratta di un’esperienza che – seppur ogni volta inedita e sconvolgente – sembra non bastare da sola a produrre dei veri cambiamenti nella sua esistenza: sarà piuttosto l’arrivo in Italia della cugina Roxana a innescare una serie di accadimenti che stravolgeranno la quotidianità della protagonista.

(altro…)