Miracolo

 
 
 
 

L’avresti mai detto, il miracolo?

Ci speravi, forse. Nemmeno. Era un desiderio inconfessato, ambizione oscena. Utopia. L’incontro.

L’hai già sperimentato, forse. Ma tu eri dall’altra parte, sei stato quello che arrivava, forse, mai colui che attende.

Poco importa. Se è capitato una volta, non c’è ragione per cui non debba accadere ancora. Così hai pensato e da lì è nata la malattia.

Sai quanti come te sono rimasti intrappolati? Facili prede per la frustrazione.

È la storia del Segnale Wow! che si ripete. È la tua storia, la storia di tanti.

miracolo mazzi

Hai inviato il tuo messaggio all’universo sapendo che sarebbe stato solo un impulso tra miliardi destinati a restare orfani di controparte, troppo vuoto da attraversare e troppo frastuono cosmico per voci tanto flebili. Che poi, un orecchio in ascolto potrebbe anche non esserci.

Eppure, non hai desistito. Le tue speranze erano tutte lì.

Ne basta uno, ti dicevi, uno solo e ne sarà valsa la pena. Tutte quelle ore, i giorni, i mesi, gli anni. Esistenze intere. Tutte quelle parole, per quell’improbabile momento. Un fortunato incontro di anime distanti e saprò che fuori c’è vita. Un miracolo, e saprò di essere vivo.

Sei vivo.
 
 
(Gianni Usai)
 
 

Illustrazione originale di Carlotta Mazzi.

 

Carlotta Mazzi (03/04/1992)
Ho studiato all’Accademia di Belle Arti di Brera dove ho conseguito il Diploma di II Livello in Grafica d’Arte. Oltre alla passione per la grafica e la stampa d’arte coltivo da anni l’interesse per l’illustrazione. Oggi parallelamente alla ricerca artistica personale sono occupata come docente di arte e grafica nella scuola secondaria di I e II grado. Alcune mie tavole sono apparse su Squadernauti, qui, qui e qui.

 
 
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...