E dire

 
 
 

E se ogni libro fosse un atto di umana prepotenza nei confronti del mondo?

Non dalla facile (benché indubitabilmente giusta) prospettiva ecologica per cui ogni libro è pur sempre carta sottratta alle foreste, ma da quella morale: ogni libro è un punto di vista umano contro il mondo, un urlo umano contro il mondo.squadernauti

Sì, contro il mondo, perché se il mondo fosse accettato per com’è – eppure lo sappiamo tutti che il suo ritmo è immutabile!; eppure lo sappiamo tutti che si nasce e si muore, e nell’intervallo tra i due eventi non possiamo far altro che stare al mondo! – non ci sarebbe bisogno di libri. Diciamo pure: non ci sarebbe bisogno di esibire alcunché.

Allora non importa più sapere chi abbia davvero scritto cosa; sapere se quello fosse un plagio o una citazione; e se non importa più dire io o tu, non si tratta certo di una conquista: perché il tanto lodato noi non è un superamento del punto di vista egocentrico, ma testimonia semmai un egocentrismo più grande, collettivo, universale: l’umana prepotenza contro il mondo.

Ma i prepotenti non sono quelli che più di tutti mostrano la paura?

E dire che se il mondo non c’è per essere governato da noi, non c’è nemmeno per impaurirci.

 
 
 

(liberamente ispirato a Elio Vittorini, Si diverte tanto a tradurre? Lettere a Lucia Rodocanachi 1933-1943, Archinto, Milano 2016, a cura di Anna Chiara Cavallari ed Edoardo Esposito).

 
 

Illustrazione originale di Michelangelo Nigra.

 
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...