Apertura, debolezza

 
 
 

È solo una questione di tempo: cambiare, crescere, migliorare.

È solo resistere al tempo: i caratteri, l’identità, le convinzioni.

Bisogna lottare, discutere, affermare, rivendicare posizioni, creare relazioni, conoscere, espandersi.

new doc 4Bisogna soltanto ascoltare, sospendere i giudizi, tacere, cercare la solitudine, accettare il corpo, limitarsi al corpo.

Loro che si accapigliano per decidere se vivere così è apertura o debolezza, perché è necessario distinguere per collocarsi, per avere un posto, per fermarsi al corpo e non immaginare.

Loro che sono sicuri che bisogna dire tutto, non tacere niente, perché la verità prima di tutto, la chiarezza.

Loro che sanno che non si può dire tutto, perché tutto non è la verità, perché la verità è un’incertezza chiara, un’apertura insopportabile, una larghezza immisurabile, inesistente.

Loro che sanno che non si può amare tutti, tutto.

Allora bisogna scrivere, non tenere più nulla presso di sé.

Scrivere, lasciare che le contraddizioni siano fragili e concrete, che la presenza sia identica all’assenza, che i corpi siano universali.

Scrivere per farsi larghezza, tempo.

Scrivere per resistere alla larghezza, al tempo.

 
 

Illustrazione originale di G. C. Cuevas.

 
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...