I nomi alle nuvole

 
 
 

Chi, in un dialogo, dice hai ragione tu, non è meno presuntuoso di chi dice ho ragione io.615fVddahaL

Un dialogo, per svolgersi davvero allo scoperto, non solo dovrebbe prescindere dalla ragione e dal torto, ma dovrebbe nascere dalla consapevolezza che torto e ragione non esistono.

Il vertiginoso mutismo del mondo resiste a tutte le nostre categorie, a tutte le nostre dicotomie.

In un autentico dialogo sulle cose del mondo, allora, tutto è ugualmente plausibile, perché tutto ci è ignoto.

Ecco dunque che ogni autentico dialogo sulle cose del mondo è una fantasticheria.

E dire che lo sapevamo da bambini, quando stesi sul prato a faccia in su davamo i nomi alle nuvole.

 
 

(Liberamente ispirato a Marianella Sclavi, Arte di ascoltare e mondi possibili. Come si esce dalle cornici di cui siamo parte, Bruno Mondadori).

 
 
 

Annunci

2 comments

  1. Pezzo molto interessante su cui sono d’accordo. Però, premesso che anche il diritto e la giustizia potrebbero essere in qualche modo un dialogo sulle cose del mondo, come possiamo giustificarle?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...