Da quando c’è e finché ci sarà

 
 
 

Chi sceglie la distanza o l’assenza è visto con sospetto. È visto con sospetto chi non ha un compagno di vita, chi non ha un’occupazione, chi non ha passioni, convinzioni, desideri.

Eppure ciò non significa rinunciare a vivere! Significa rinunciare a proteggersi.

La scrittura che non protegge è una scrittura che attraversa le cose del mondo senza trattenerne alcuna. Così, ecco che ogni cosa attraversata diventa prima lontananza e poi assenza.

new doc 11

La scrittura attraversa le cose senza trattenerne alcuna quando, semplicemente, dice le cose nella loro interezza: e le cose nella loro interezza sono inconoscibili, dunque impossibili da trattenere.

Questo continuo allontanamento dalle cose del mondo significa accettare il mondo come ritmo.

Per poi magari scoprire, alla fine della vita, che non sei stato tu ad attraversare quel ritmo, ma è stato lui ad attraversare te.

Come fa con tutti, da quando c’è e finché ci sarà.

 
 

Illustrazione originale di G. C. Cuevas.

 
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...